Tour 3 – Metro, Bunker e Guerra Fredda

La presunta difesa dei civili nell’eventualità di un conflitto con armi atomiche

In questo tour le nostre guide vi mostreranno le tracce della Guerra Fredda nei sotterranei di Berlino. Il governo di Berlino Ovest ha investito, soprattutto dopo la costruzione del muro, milioni di marchi nella costruzione di bunker, per prepararsi ad un possibile conflitto nucleare. Il tour mostrerà nei dettagli il terrore di un tale conflitto e le conseguenza che avrebbe potuto avere.

La prima parte del tour si svolge in un bunker originario della II Guerra Mondiale e riadattato a rifugio antiatomico nel 1983. Nel cosiddetto «Ernstfall» (caso di emergenza) questa struttura avrebbe offerto protezione a 1.318 persone per un massimo di 48 ore. Oggi all'interno di questo bunker abbiamo allestito anche una mostra che tratta altri argomenti della Berlino divisa dal muro: le «linee fantasma» (linee della metropolitana occidentale che attraversavano Berlino Est senza fermarsi) e la «riserva del senato».

Dopo il trasferimento in metropolitana alla fermata «Pankstraße» le nostre guide vi informeranno sul funzionamento di un bunker antiatomico moderno. Questo rifugio, costruito ex novo nel 1977, insieme al prolungamento della linea U8, avrebbe ospitato 3.339 persone e costituisce il 4° rifugio più grande di Berlino. Grazie alla sua attrezzatura tecnica – centrale idrica, generatore elettrico di emergenza e sistemi di filtraggio e ventilazione – avrebbe permesso una permanenza fino a due settimane. Ma soprattutto le piccole stanze gremite di lettini a castello a quattro piani in cui avrebbero dormito migliaia di persone danno un'idea di cosa avrebbe aspettato i «fortunati» sopravvissuti di una guerra atomica…

Impressioni